Organizzare matrimoni: semplificando, è questo quello che fa una Wedding Planner. Pianificare e gestire il giorno più bello per ogni coppia, facendo attenzione anche al minimo dettaglio e curando ogni minuzia con ferma professionalità. Senza dubbio un’attività gratificante e dinamica, certo, ma sicuramente non un lavoro per tutti.

Come per ogni altro mestiere, non ci si improvvisa Wedding Planner. Occorrono passione e preparazione, dedizione e precisione, ma anche tratti caratteriali e attitudini ben precise. Ecco le principali:

1. Creatività ed empatia

Ogni Wedding Planner che si rispetti deve innanzitutto essere socievole e portata per le relazioni interpersonali. Emparica e capace di entrare davvero in sintonia con i futuri sposi per comprendere al meglio richieste ed esigenze, deve possedere anche una forte attitudine all’ascolto. Propositiva ma mai invadente, deve rapportarsi con i clienti mantenendosi amichevole ma discreta. La Wedding Planner deve sempre essere in grado di mostrarsi padrona della situazione e, all’occorrenza, rassicurante con gli sposi, anche davanti a quelli che possono essere gli immancabili imprevisti tipici delle cerimonie nuziali. Le abilità da perfetta problem solver fanno quindi parte delle immancabili doti che deve possedere questa figura professionale, assieme a un buon senso estetico e a spiccate virtù creative. Saper proporre idee e soluzioni uniche e originali agli sposi, rispettando al contempo i loro desideri e le loro richieste, è essenziale per la buona riuscita di un progetto sempre esclusivo e personalizzato per ogni coppia.

2. Organizzazione e precisione

Costantemente aggiornate sugli ultimi trend del settore, una Wedding Planner deve avere anche e soprattutto un ottimo senso pratico e buone doti organizzative. Il matrimonio è in fondo un evento, il più importante per gli sposi prima e dopo il fatidico sì, ed è quindi colmo di particolari e dettagli da definire, organizzare e curare con attenzione e sempre con largo anticipo, senza mai lasciare nulla al caso. I fiori, il buffet, la musica, la disposizione degli invitati… Tutto deve essere stabilito e definito alla perfezione. Questo richiede altresì una dedizione particolare al lavoro, un po’ come succede per tante altre attività imprenditoriali. Per la buona riuscita della cerimonia nuziale occorre, in sostanza, essere disposte a qualche piccolo sacrificio per poter accontentare anche i clienti più sigenti. Incontri e telefonate in orari extra-lavorativi, fine settimana compresi, non sono di certo considerati inammissibili per chi ha deciso di intraprendere questa professione.

3. Preparazione e professionalità

Entusiasmo, cordialità e puntualità non sono però le uniche imprescindibili qualità di una Wedding Planner. La formazione è essenziale e contribuisce a definire e organizzare al meglio doti e virtù innate.

Non sono richiesti particolari titoli di studio per intraprendere questa carriera. Generalmente, chi decide di lavorare nel complesso settore dell’organizzazione degli eventi ha conseguito un diploma o una laurea in Scienze della Comunicazione, Lettere o Psicologia. Questo, però, non significa che chi non dispone di questi particolari titoli non possa intraprendere la professione della Wedding Planner. Ci sono, in ogni caso, suggerimenti e dritte da seguire per prepararsi al meglio.

Un buon corso di formazione per wedding planner può rivelarsi la strada giusta per acquisire o arricchire e perfezionare competenze e conoscenze, come lo sono anche l’apprendistato e l’esperienza pratica, presso agenzie che organizzano matrimoni o, più in generale, all’interno di realtà che progettano eventi. È poi necessario aggiornarsi di continuo, consultando testi specifici e riviste di settore o navigando in internet alla ricerca di siti, italiani e stranieri, che riportano notizie utili a una Wedding Planner. Non sono infine da trascurare le fiere di settore, anche oltre i confini italiani, per restare sempre informate e accaparrarsi i contatti di potenziali fornitori. E per studiare direttamente sul campo, non dimenticate di partecipare, anche come semplici spettatrici, a più matrimoni possibili per osservare e valutare ciò che è bene fare e ciò che va evitato assolutamente durante una cerimonia di nozze.

Insomma, interpretare e realizzare i sogni di ogni coppia è un’attività emozionante ma complessa. Siete pronte ad accettare la sfida?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Apri chat
💬 Serve aiuto?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?